Total drawing_  16192
Total user_  2626
Home Draw! Helghi Home Page Archive/Press News Link !SHARE! Mail
     
 
happy new year! happy new year!
by: helghi
buon anno a todos! mucho de todo!
day
31/12
2005
hours
11
minutes
31
seconds
35

by: milla e monnez
day
31/12
2005
hours
07
minutes
27
seconds
04

by: milla e monnez
day
31/12
2005
hours
07
minutes
17
seconds
08
afdsaddd afdsaddd
by: patrick timony
day
30/12
2005
hours
20
minutes
38
seconds
19
fddssaa fddssaa
by: patrick timony
day
30/12
2005
hours
20
minutes
20
seconds
52
fsdaadfs fsdaadfs
by: patrick timony
day
30/12
2005
hours
20
minutes
06
seconds
43
fdsafdasfdsaaa fdsafdasfdsaaa
by: patrick timony
day
30/12
2005
hours
20
minutes
02
seconds
12
LUNARDI E LA TAV LUNARDI E LA TAV
by: Macedonio
tav si fara' ". Ma perchè tutto questo accanimento, questo manganellamento sulle teste di inermi cittadini disarmati e poveri pensionati che difendono la propria terra e la salute loro e dei loro nipoti? La risposta è presto data: leggiamo... Conflitto di interessi in casa Lunardi La società dei figli e della moglie del ministro delle infrastrutture progetterà le gallerie della Torino - Lione M.BA. ROMA Ennesimo caso di conflitto di interessi per il ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi. Analizzando il bilancio della società da lui amministrata fino al giorno prima di giurare come ministro della Repubblica, il quotidiano finanziario milanese Mf ha scoperto che la Rocksoil nel corso del 2002 ha ottenuto solo quattro nuove commesse. Tutte all'estero, come promesso da Lunardi a chi avanzava timori di casi di conflitto di interessi in Italia. Ma contrariamente agli impegni presi dal ministro - che nel 2001 ha ceduto le azioni della Rocksoil a moglie e figli, risolvendo «all'italiana» ogni potenziale conflitto -, tra gli ultimi progetti vinti dalla società di famiglia ce n'è uno che riguarda da vicino il nostro paese. La commessa incriminata si chiama «Francia Modane» e consiste nella consulenza per la progettazione dei 54 km ferroviari in galleria del futuro corridoio 5 Torino - Lione, tunnel che da soli assorbiranno metà del costo dell'opera, in tutto 13 miliardi di euro (di cui 8 a carico della Francia). Lunardi, raggiunto nella villa di Berlusconi dai giornalisti di Mf, non smentisce i contenuti del servizio. Al contrario, rivendica di essere stato ai patti e nega ogni conflitto di interessi: «Da quando sono ministro la Rocksoil lavora solo all'estero. In questo caso specifico la consulenza è stata chiesta dalla società Effage, con la quale la Rocksoil aveva già lavorato nella realizzazione della linea dell'alta velocità Lione-Marsiglia nei primi anni '90». Secondo il ministro insomma non c'è nessun conflitto. Ma se si va a vedere chi ha affidato l'appalto all'Effage si scopre che si tratta della Ltf, Lione Torino Ferroviaria, una società di diritto pubblico partecipata alla pari da Rff e Rfi, le due società di proprietà statale che possiedono e gestiscono le reti ferroviarie in Italia e in Francia. Per il nostro paese quindi il 50% di Ltf è ancora di proprietà del Tesoro. Ricapitolando, all'origine di tutto c'è un appalto pubblico, per metà italiano, che viene affidato, tramite un'altra società, alla Rocksoil dei figli e della moglie di un ministro della Repubblica. La parte ottenuta dalla società della signora Lunardi e figli non è casuale: la consulenza per la progettazione infatti si aggiudica con il metodo della trattativa privata tra le parti. Non è difficile immaginare che decidendo di affidarla a una società che ha legami di sangue con il ministro delle Infrastrutture italiano, le società coinvolte si garantiscano il buon esito della progettazione, e magari un occhio di riguardo sulle procedure di controllo. In altre parole, gli interessi del controllore, tramite i figli e la moglie, coincidono con quelli del controllato. E i finanziamenti dell'opera avviata dal nostro ministro finiscono direttamente nelle tasche dei suoi familiari. «E' un fatto gravissimo», commenta Edoardo Zanchini, responsabile trasporti di Legambiente. «Si spiega anche così, con questo gigantesco conflitto di interessi di Lunardi, la fretta con cui il governo sta chiudendo le fasi di progettazione anche di altre grandi opere, continuando a negare ogni confronto con il territorio e le associazioni». «Nel momento di massima crisi del governo - continua Zanchini -, Lunardi fa di tutto per chiudere tutti gli affari che lo riguardano in prima persona». E snocciola poi i vari appalti targati Rocksoil che hanno subito un'accelerazione. Solo per restare all'estate: l'avvio del tunnel sotto la tangenziale di Mestre, «un progetto inutile perché nel frattempo lo stesso governo ha approvato il passante», dice l'urbanista. Nei giorni scorsi Lunardi ha poi annunciato che sul tunnel dell'autostrada Livorno - Civitavecchia «andrà avanti anche da solo», senza le regioni. Secondo Zanchini si tratta di un progetto a cui il ministro stesso ha partecipato direttamente quando dirigeva la Rocksoil. Indignato anche Antonio Ferrentino, presidente della comunità montana Bassa Val di Susa, l'associazione dei comuni che da anni si batte duramente contro la mega-opera che stravolgerebbe il territorio. «E' la prova evidente di un conflitto di interessi gigantesco. Lunedì valuteremo con i nostri legali se ci sono gli estremi per un'azione penale». Secondo Ferrentino la soluzione del tunnel per la Torino-Lione è un atto di arroganza da parte del governo. A suo avviso infatti sarebbe necessario distribuire il trasporto merci su tutto l'arco alpino. Entro il 1 settembre comunque i comuni della Val Susa presenteranno in sede europea le loro osservazioni sulla grande opera, che proprio Lunardi, vincendo le forti resistenze dei francesi, è riuscito a far inserire nel piano Van Miert delle infrastrutture di interesse europeo. Sul conflitto di interessi per la Torino - Lione le senatrici dei Verdi Anna Donati e Loredana De Petris hanno presentato un'interrogazione parlamentare al premier Berlusconi e al ministro Tremonti, chiedendo che Lunardi sia esonerato dall'occuparsi del progetto di questa tratta ferroviaria, anche in sede europea. (da Il Manifesto di Sabato 23/8/2003)
day
30/12
2005
hours
15
minutes
37
seconds
41
Lecciso Lecciso
by: Macedonio
Incredibile, ne è uscita fuori un'altra! Sono tre, numero perfetto. La TV demenziale si arricchisce di una nuova soubrette. Non ho parole. Ci arricchiremo di nuove risate di compassione. Porelle. Ma mamma è papà non gli dicono nulla? E i mariti?Bè quelli pensano solo ad una cosa, il cervello e la famiglia poco importano. . Suggerimento alla TV affinchè affidino alle lecciso i prossimi spot per il pagamento del canone rai.
day
30/12
2005
hours
15
minutes
21
seconds
13
guardo vicino guardo vicino
by: milla e monnez
x monica, ciao
day
30/12
2005
hours
14
minutes
51
seconds
18
Guardo Lontano Guardo Lontano
by: MONICA
day
30/12
2005
hours
14
minutes
43
seconds
33
preferisco disegnare preferisco disegnare
by: milla e monnez
day
30/12
2005
hours
14
minutes
34
seconds
28
Next 12
  

__Login__
Creative Commons License
.